il Linux Day di ERLUG è stato patrocinato da:

               


Ci siamo stati anche stavolta!

In occasione del quattordicesimo Linux Day (25 ottobre 2014), giornata nazionale promossa da Italian Linux Society a sostegno di GNU/Linux e del Software Libero, l'Emilia Romagna Linux Users Group ha organizzato:

linuxday@erlug

Nel corso della giornata, totalmente gratuita, si sono tenute una serie di conferenze incentrate sul sistema operativo GNU/Linux ed il Software Libero, con talk sia tecnici che di carattere introduttivo.

L'evento si è tenuto presso il CNR - Area della ricerca di Bologna, in via Gobetti 101, Bologna.

Programma

Le slides e le registrazioni audio e video degli interventi verranno pubblicate su questa pagina dopo l'evento man mano che saranno disponibili.


09:00-09:10 Presentazione della giornata

09:10-09:30 Savino Sasso
Che si inventa a Raspibo?
Di ritorno dalla spedizione romana per la Maker Faire, il resoconto del secondo anno di attività del makerspace RaspiBO.

Video

09:30-10:00 Savino Sasso
Ninux BO
Ninux è una wireless community network italiana, una rete WiFi che connette un gruppo informale di persone. Lo scopo comune è quello di creare una rete informatica di proprietà dei singoli cittadini, utilizzabile per comunicare, studiare e sperimentare. Abbiamo dei buoni esempi da seguire in tutto il mondo, come Guifi, una rete wireless con 24mila partecipanti estesa su tutta la Catalogna, o AWMN la rete ateniese che copre una zona di oltre 50km di diametro connettendo migliaia di persone. Vedremo cosa significa far parte di una rete wireless comunitaria: vantaggi, possibilità e sfide.

Slide

10:00-10:20 Andrea Mauro
Open Data e Open Source per "Confiscati Bene"
Confiscati Bene è un progetto partecipativo per favorire la trasparenza, il riuso e la valorizzazione dei beni confiscati alle mafie, attraverso la raccolta, l'analisi dei dati e il monitoraggio dei beni stessi. Alla sua costruzione e implementazione partecipano giornalisti, attivisti e tecnologi: ognuno mette a disposizione la propria specifica competenza per rispondere ad alcune domande sullo stato e sulla gestione dei beni confiscati in Italia alla criminalità organizzata: Quanti sono? Dove sono? Quanto valgono? Come vengono riutilizzati?

Video

10:20-11:00 Giuseppe Lavagetto
Software Libero per un'enciclopedia Libera
Una panoramica su come funziona l'infrastruttura tecnica di Wikimedia, e su come il quinto sito per traffico al mondo si basi esclusivamente su software libero. E a cui anche voi potete collaborare!

Video

11:00-11:10 Pausa caffè

11:10-11:30 Christian Berti
makers@school
Nell'ambito della attività extracurricolare "Fare Impresa" dell'IIS Belluzzi un gruppo di studenti e docenti ha realizzato l'applicazione wearable "Techiewear Walkeo". E' un sistema integrato per attività sportive e sociali composto da una tuta intelligente, uno smartphone e una connessione a Internet con un server. Grazie ai sensori posizionati su una speciale tuta da fitness è possibile calcolare le calorie bruciate durante l'allenamento, la frequenza cardiaca e la soglia di rischio cardiaco. La tuta comunica con una app che regista le attività di allenamento, la mappa del percorso, calcola la distanza percorsa e registra i dati su un server; attraverso il sito del sistema è possibile rivedere le sessioni di allenamento. Tutto il progetto è basato su risorse Open Hardware ed Open Software.
Video

11:30-12:10 Simone Dalla
Linux nella pubblica amministrazione italiana? Si, può, fare! (E noi l'abbiamo fatto)
Il software libero per i Servizi Informatici del Comune di Zola Predosa.
Video

12:10-12:30 Pierluigi Tassi
Open source nell'ente Regione Emilia-Romagna
Breve panoramica sull'adozione del software open source nell'ente, l'adozione di Open Document Format e Apache OpenOffice, il valore già rilasciato e in fase di rilascio.
Video

13:00-14:30 Pausa pranzo

14:30-14:40 Riassunto della mattinata e presentazione dei talk del pomeriggio

14:40-15:20 Gabriele Cerami
Gestione dei contributi su larga scala: tour guidato sul continuous integration di openstack
Openstack ha una base sviluppatori di 2000 persone su 80 paesi. Per impedire che ci si pesti i piedi a vicenda è stata costruita una infrastuttura di controllo e revisione continui di tutti i contributi. L'approccio al controllo continuo è stato ripetuto anche nella parte che riguarda invece la base utilizzatori. Questa è la storia di una patch che dopo essersi laureata a pieni voti sul pc di uno degli sviluppatori, tenta il suo difficile percorso per arrivare a un server di produzione.
Video

15:20-16:00 Renzo Davoli
No more secrets in your CPU
Cosa succede davvero all'interno di una processore, spiegato usando solo componenti elettronici facilmente reperibili.

Video

16:00-16:10 Pausa caffè

16:10-16:40 Pierluigi Poggi
G-meter con Arduino
Come costruire un simpatico G-meter col quale misurare e registrare le accelerazioni del proprio veicolo

Video

16:40-17:20 Sandro Zaccarini
PHP web backdoor obfuscation
PHP è lo standard de facto per la programmazione web, verosimilmente per la presenza dell'interprete di default praticamente su tutti gli hosting di qualsiasi prezzo, ma anche per la "semplicità" del linguaggio stesso.
Vedremo come sfruttare proprio questa sua "semplicità" per eseguire codice malevolo, nascosto qui e là nel codice del sito, e per modificare il comportamento del codice esistente in modo da inserire backdoor altamente ofuscate.

Slide

17:20-17:40 Marco Trotta
Open Edu. La migrazione al FLOSS della biblioteca "Mario Gattullo" del dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna
Lo scorso 8 Aprile l'annuncio definitivo di Microsoft di chiudere il supporto a Windows XP ha messo le aziende private, ma soprattutto la pubblica amministrazione, di fronte al problema di cosa fare di un parco macchina molto spesso consistente che nelle ristrettezze economiche dei tagli in bilancio e della crisi non poteva essere ricondizionato per utilizzare i sistemi operativi successivi della multinazionale fondata da Bill Gates. Un problema economico certo, ma anche ambientale considerando lo smaltimento di macchine spesso perfettamente funzionanti. Ma anche giuridico visto che le ultime modifiche del CAD (Codice dell'Amministrazione Digitale) impongono l'utilizzo di soluzioni open "by default". L'esperienza della biblioteca Mario Gattullo del dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna è partita questa situazione. Una decina di macchine sono state migrate ad una soluzione FLOSS tra vecchie e qualche nuovo acquisto e contestualmente è stato elaborato un questionario che è stato sottoposto a tutti gli utenti, soprattutto studenti, alla fine della loro sessione di utilizzo per testare il loro grado di apprezzamento prima e dopo la migrazione. Questo strumento è servito anche per raccogliere sollecitazioni, problemi e proposte. Ne è uscito fuori uno spaccato sufficientemente rappresentativo per immaginare le possibili future migrazioni non solo dal punto di vista hardware e software ma anche da quello che probabilmente conta di più in simili contesti: quello humanware. Perchè oggi le soluzioni libere possono essere progettate per coniugare i diritti delle persone con la possibilitè di utilizzare strumenti alla portata delle loro aspettative e competenze.
Video



Attività parallele

I soci Erlug sono stati lieti di aiutare i partecipanti nella loro prima installazione di Linux.

Dalle ore 11:00 attività per bambini "Informatica senza computer"

Abbiamo avuto il piacere di ospitare il Fisiclab, laboratorio didattico per la fisica e la tecnologia facente parte del Museo del Cielo e della Terra di San Giovanni in Persiceto.
Durante l'attività sono stati svolti diversi giochi per capire come funziona un programma, cos'è il calcolo in binario, quali sono e a cosa servono i diversi componenti di un computer.

Dalle ore 14:30 Coder Dojo

Abbiamo anche ospitato i ragazzi di Coder Dojo di Bologna con le loro attività: insegnare la programmazione a bambini dai 7 ai 14 anni di età utilizzando il software di programmazione scratch.

Makers!


Gli amici di Raspibo sono stati presenti con ben 3 talk e un banchetto dove hanno mostrato alcuni dei loro lavori e stampanti 3D.

Wikimedia Italia


Wikimedia Italia è stato presente con un banchetto informativo per tutta la giornata.

Dove

I dettagli su come raggiungere il CNR li trovate qui:


View Larger Map

Apri la mappa su OpenStreetMap

Links

Alcuni link utili:
ERLUG
ILS
Pagina ufficiale del LinuxDay

Credits

Un doveroso ringraziamento a:
  • ILS, Italian Linux Society e nello specifico il comitato organizzativo del LinuxDay.
  • Tutti i LUG italiani e tutti coloro che tutti i giorni si prodigano a titolo gratuito per la diffusione della cultura informatica e dello sviluppo di GNU/Linux
  • Ehiweb per la connettività